Il sogno delle comunit di base

 

di Laurence Desjoyaux

in www.temoignagechretien.fr del 13 settembre 2012 (traduzione: www.finesettimana.org)

Nate negli anni '70,le comunit di base che riunivano cristiani impegnati, desiderosi di prenderesul serio la loro responsabilit di battezzati, stanno perdendo slancio. Ma i problemi sollevati da questi laboratori nel cuore della Chiesa sono sempre d'attualit.

 

Le comunit cristiane di base sono nate da una frustrazione. Il Concilio ha suscitato una speranza di cambiamento in molti cristiani e il Maggio 68 ha avuto la sua influenza, l'analisi di Agathe Brosset che, nel 1990, ha sostenuto una tesi sulla vita di queste comunit. Ma dopo cinque anni, alcuni sono rimasti delusi. Le riforme annunciate un modo diverso di assumere le decisioni nella Chiesa cattolica, il posto dei laici non sono state realizzate.

A partire dall'inizio degli anni '70, quei cristiani, in maggioranza di sinistra, impegnati in politica o nei sindacati, decidono quindi di riunirsi in comunit per vivere nuove forme di espressione della fede. Un'eco convinta alle comunit ecclesiali di base che si stanno sviluppando in quel momento in America Latina.

laboratori o centri di apprendimento

Queste comunit si descrivono esse stesse come laboratori o centri di apprendimento nei quali si prende sul serio la responsabilit battesimale in tutti gli ambiti della Chiesa. stato un luogo di liberazione, testimonia Agathe Brosset, anch'essa impegnata in La croise de chemins, una comunit di Nantes creata nel 1973. Il solo fatto di sentirsi dire che la missione di

evangelizzazione della Chiesa appartiene ai battezzati, una cosa fantastica. Ci siamo autorizzati ad inventare dei modi di celebrazione, delle maniere di funzionamento molto democratiche, ma anche dei metodi di iniziazione alla fede per i bambini.

La liturgia, ad esempio, prende la forma di eucaristie domestiche, a volte con un prete, a volte senza... Il Vangelo al centro delle riflessioni e degli scambi comunitari. Come vivere lo spirito del Vangelo nell'impegno nel mondo, in particolare nella lotta contro la miseria? Nate da una delusione nei confronti dell'istituzione, le comunit di base non sono per delle Chiese parallele. Vogliono invece essere dei luoghi che pongono interrogativi alle Chiese locali.

In effetti, i rapporti con la diocesi variano secondo le comunit, andando da contatti regolari ad una reciproca indifferenza. E ciascuno dei suoi membri mantiene una relazione propria con la Chiesa locale. Alcuni vi sono implicati, nell'animazione liturgica o nell'insegnamento religioso, ad esempio, altri hanno mantenuto le distanze.

giuste intuizioni

Simbolo di un fermento spirituale di una parte dei cristiani di sinistra negli anni '70 e '80, queste comunit sono oggi in netto declino. Certe sono scomparse. La croise des chemins a Nantes si riunisce ancora. Ma nel 1973 eravamo 250, oggi una ventina, constata Agathe Brosset. Ci diciamo che le giovani generazioni, pi mobili, pi individualiste, hanno altri modi di impegnarsi, piuttosto su qualcosa che colpisce al momento, e non sulla durata...

E inoltre, le comunit di base hanno scelto la discrezione. Tra il 1995 e il 2000, c' stato tra noi un forte dibattito sulla necessit di essere visibili, racconta. Bisogna aprire un punto di riferimento nella citt? Farsi conoscere sui media? In realt, non abbiamo dato importanza alla comunicazione. Agathe Brosset tuttavia ha uno sguardo di speranza per il futuro. L'importante che degli uomini si impegnino per il rispetto della dignit umana, in nome del Vangelo o della propria umanit, e che ci siano sempre dei luoghi dove possano parlare con altri di ci che vivono e celebrare l'azione dello Spirito Santo nel mondo. Sottolinea anche le giuste intuizioni di queste comunit che hanno spinto fino in fondo le grandi dinamiche del Concilio.

Queste intuizioni sono giuste nella loro rivendicazione di libert, afferma. E le comunit parrocchiali sono oggi in situazioni tali da essere spinte a porsi le domande che noi ci siamo posti all'inizio del nostro movimento, in particolare per quanto riguarda il posto dei laici. Ma le risposte che vi daranno, saranno le stesse?