“Europa , cosa ti è successo?” La lettera di padre Alex Zanotelli.  

 

CETA: inizia la discussione del comitato segreto che può indebolire le norme su pesticidi e qualità del cibo I nuovi parlamentari italiani e gli eurodeputati chiedano trasparenza

La Campagna Stop TTIP/Stop CETA pubblica documento interno dell'UE con l’agenda dei lavori e lancia un appello: “La prossima settimana a Ottawa i nostri diritti saranno messi in discussione da un comitato tecnico non trasparente. I nuovi parlamentari intervengano subito" ROMA, 21 marzo 2018

 

Cambiamo le regole ora di Vandana Shiva - fonte: http://comune-info.net

 

Cappellani militari senza stellette? di Alex Zanotelli fonte: Centro Studi Sereno Regis

 

Banche e fondi investono sempre più in armi nucleari “Avvenire” mercoledì 7 marzo 2018

 

 

Chiamiamo le cose con il loro nome.. Questo e’ l’inizio della pace.. Le sorelle Trappiste in Siria -  http://oraprosiria.blogspot.it/2018/03/lettera-aperta-delle-monache-siriane.html - Ma oggi dire alla Siria, al governo siriano, di non difendere la sua nazione è contro ogni giustizia : troppo spesso è solo un modo per facilitare il compito di quanti vogliono depredare il Paese, fare strage del suo popolo

 

 Rom: dal porrajmos a mafia capitale. Storia del popolo Rom. – Dossier - Prof. Marcella Delle Donne

 

Il grande male dell’Italia sono gli immigrati di Ferruccio Sansa IlFattoQuotidiano.it  - A sentire questa campagna elettorale, pare che tutte le colpe del nostro disagio siano degli immigrati. E se, invece, il grande male dell’Italia fosse un altro: l’ipocrisia. La finzione, la falsità. Puntiamo – i partiti, ma anche noi cittadini – il dito altrove, contro dei poveracci indifesi e senza voce, per non affrontare i nostri mali: corruzione, mafie, evasione. Mancanza di senso civile.

 

10 cose da sapere su migranti e immigrazione - Dossier CARITAS

 

Cappellani sì, militari no! Comunicato stampa Pax Christi  -  ”L'annuncio evangelico è inconciliabile non solo con la guerra ma anche con la stessa appartenenza ad una struttura come quella militare, ancora più nella situazione attuale, in cui non esiste più un esercito di leva ma solo di professionisti.”

 

Debito pubblico, come uscirne senza strozzarci – Dossier del Centro Nuovo Modello di Sviluppo

 

 

L’origine del problema. Ma il debito è frutto di interessi (ed evasione) di Marco Bersani Avvenire.it  - Sembra evidente come sia il pagamento del servizio del debito, ovvero gli interessi, il nodo scorsoio che stringe il collo ad ogni possibilità di un futuro diverso: d'altronde quale “buon padre di famiglia” considererebbe normale -e non usura criminale- aver pagato dal 1980 ad oggi oltre 3.400 miliardi di euro di interessi su un debito che continua ad essere di 2.256 miliardi?

 

Debito pubblico: una storia da riscrivere di Francesco Gesualdi - Articolo tratto dal Granello di Sabbia n. 32  - Nel 1992 con il governo Amato, l’Italia entra in austerità, ossia decide di spendere a favore dei cittadini meno di quanto incassa. Questa operazione si è ripetuta tutti gli anni ad eccezione del 2009, procurandoci un risparmio complessivo, dal 1992 al 2016, pari a 768 miliardi di euro. Ciò nonostante il debito ha continuato a salire fino all’astronomica cifra di 2250 miliardi perché i risparmi non sono stati sufficienti a coprire l’intera spesa per interessi. Su un ammontare complessivo di 2038 miliardi, relativi a tutto il periodo, ben 1270 sono stati pagati con nuovi prestiti, mettendoci nella trappola infernale del debito che alimenta se stesso.

 

 

 

 

 

 

 

 



Rita Clemente "Un dolore infinito" Edizioni Gaidano&Matta € 10

(IL ricavato della vendita del libro andrà all'Associazione "Support Sustain Children" per sostenere un progetto a favore dei bambini siriani, vittime della guerra)

Rosa Maria Massari "In-cammino" €10

(Il ricavato della vendita dei libro sarà destinato al progetto contro la dispersione scolastica realizzato dall'associazione Robe Dell'Altro Mondo)